I bronzi di Riace: un tesoro calabrese, presto simbolo dell'Italia

1972 - 2022, sono passati 50 anni dal ritrovamento dei guerrieri di bronzo venuti dal mare.



Conoscete la storia di questi due naufraghi d'eccezione? Scopriamola insieme!

Era il 16 agosto 1972 quando, al largo delle coste di Riace, in provincia di Reggio Calabria, su segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri ritrovarono sul fondale due straordinarie statue destinate a divenire probabilmente due tra le più famose al mondo e aprendo lo scenario sullo studio della Magna Grecia. Da allora le statue A e B – così sono stati sono stati identificati i Bronzi di Riace, capolavori della bronzistica del V secolo a. C. – hanno fatto con le loro immagini il giro del mondo divenendo un manifesto della raffinatezza dell'arte greca. Nei luoghi circostanti a quello della scoperta non fu rinvenuto nessuno altro reperto antico da cui trarre indizi su come le due statue fossero giunte in quel posto: nacque così il grande enigma dei Guerrieri di Riace, che ancora fino a oggi non può essere considerato completamente risolto.


I due eroi regali, magnetici con una resa anatomica eccezionale che raggiunge il minimo dettaglio, come le arterie visibili sotto l'epidermide, verranno celebrati da una serie di eventi nel corso dell’anno. Questa iniziativa rappresenta "una straordinaria occasione" – come affermato il ministro della cultura Dario Franceschini – "per far conoscere ancora di più nel mondo questa meraviglia e farla diventare una delle più grandi attrazioni nel nostro paese".

Diversi sono gli appuntamenti tra mostre, spettacoli, convegni, promossi dalla Regione Calabria con la collaborazione del ministro del ministero della Cultura, e altre iniziative a cura della città metropolitana di Reggio Calabria per il cinquantesimo anno da questa scoperta.

Per le iniziative patrocinate della Regione Calabria sono stati utilizzati in particolar modo i linguaggi digitali e audiovisivi, da una mostra sulla Magna Grecia al docufilm I Bronzi di Riace prodotto da PALOMAR S.p.A.

A ottobre grazie a Rai Cultura saranno protagonisti di una puntata speciale nell'ottava serie di Viaggio nella bellezza e a dicembre torneranno sul piccolo schermo, su Rai 3 e su Rai Play, con una puntata speciale di Ossi di seppia.

Inoltre, per l'intero periodo estivo il Corso Garibaldi della città ospiterà la mostra a cielo aperto di archeologia pubblica dedicata alla loro scoperta.

Molto ricco anche il programma previsto dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria, dal titolo Memoria e Mito. Bronzi di Riace 1972-2022. Tra i primi eventi ci sarà la mostra Narrazioni Misteriche. I Bronzi di Riace e i Miti della Magna Grecia a cura di Elia Roggi e Jacopo Bucciantini, in corso fino al 4 settembre al Palazzo della Cultura di Reggio Calabria, e a questo evento seguiranno molti altri.


Per leggere il programma dettagliato degli eventi dedicati ai Bronzi di Riace si rimanda a http://www.cittametropolitana.rc.it e a http://bronzi50.it.


Articolo a cura di: Giada Toppan

30 visualizzazioni0 commenti