Bambini o delfini?

Chissà quante volte da bambini abbiamo provato a nuotare sott’acqua ad occhi aperti... e puntualmente ci siamo ritrovati con gli occhi rossi e gonfi. Ebbene, i bambini di una tribù tailandese possiedono questa particolare dote: come fanno? Il loro talento potrebbe essere appreso?


Nel 1999, Anna Gislen, ricercatrice dell’Università di Lund, in Svezia, stava studiando diversi aspetti della vista, quando un collega le suggerì di informarsi sulla tribù Moken. Anche note come “nomadi del mare”, vivono negli arcipelaghi sul Mare delle Andamane e lungo la costa occidentale della Tailandia.



Quando è arrivata la marea, questi ragazzi hanno iniziato a nuotare. Ma non come avevo visto prima. Erano più sott'acqua che sopra l'acqua, avevano gli occhi sbarrati, erano come piccoli delfini. Avevano gli occhi ben aperti, pescando vongole, conchiglie e cetrioli di mare, senza alcun problema.”


Dopo essersi recata sul posto e aver constatato ciò, ha avviato una serie di esperimenti per testare quanto fosse buona la vista subacquea dei bambini. In questi, sono stati coinvolti anche dei bambini europei e, mettendo a confronto le prestazioni, si è potuto notare che i bambini Moken hanno potuto vedere il doppio rispetto agli europei. Tuttavia, un esame della vista successivo ha dimostrato che entrambi i bambini godevano della vista al di sopra del pelo dell’acqua.


Com’è possibile tutto ciò?


I bambini Moken sono in grado di rimpicciolire le pupille e cambiare la forma delle lenti. Foche e delfini hanno un adattamento simile” – a differenza degli adulti, sottoposti agli stessi esperimenti dei bambini, che non hanno mostrato una visione sott’acqua insolita. Questo è spiegato dal semplice fatto che invecchiando, le palpebre diventano meno flessibili e di conseguenza diminuisce la capacità di adattamento sott’acqua.


Dunque, queste prestazioni degne di foche e delfini sono dovute a un’anomalia genetica o è una questione di pratica? Per scoprirlo, la ricercatrice ha condotto un altro round di esperimenti, nei quali ha chiesto ai bambini europei di partecipare a sessioni di allenamento, uguali a quelle svolte precedentemente dai bambini Moken. Dopo 11 sessioni in un mese, il gruppo europeo ha raggiunto la stessa acuità subacquea dei bambini Moken.


Ha notato che i primi avrebbero avuto gli occhi rossi, irritati dal sale nell’acqua, mentre i bambini sembravano non riscontrare problemi simili. Dobbiamo riscontrare, quindi, che i bambini Moken godono di qualche adattamento, non ancora rivelato, che consente loro di immergersi 30 volte senza irritazioni.


Articolo a cura di: Giada Toppan




11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti